L’IoT di prodotto in una PMI: creazione di un conto economico sostenibile

L’aggiunta della connettività ai prodotti che vengono immessi sul mercato grazie a tecnologie di IoT è un tema estremamente attuale. Nella nostra esperienza, infatti, diverse PMI si stanno strutturando tramite competenze interne ed esterne al fine di dotare di connettività la propria gamma prodotti.

 

Innanzitutto, a seconda del tipo e conformazione di azienda possono cambiare i vantaggi e le motivazioni. Alcuni modi di sfruttare i dati sull’utilizzo possono essere:

  • comprendere meglio la natura della domanda e le esigenze dei clienti
  • offrire servizi aggiuntivi/nuovi
  • ottimizzare le operazioni di manutenzione
  • essere competitivi per adattarsi e modificare il proprio modello di business in futuro

 

Concezione dell’iniziativa

La creazione di una piattaforma di connettività per una azienda manifatturiera non è di per sé diversa dalla creazione di una startup, passando dall’ideazione di un prototipo fino al go-to-market con una struttura scalabile.

 

 

Nelle fasi iniziali di concezione e sviluppo della piattaforma, l’azienda si rivolge generalmente al proprio referente tecnologico interno. Il dipartimento IT inizia a lavorare alla concezione del prototipo e unire un pool di competenze interne ed esterne volte alla realizzazione della piattaforma:

  • produzione hardware: selezione componenti, assemblaggio board custom/scelta moduli standard..
  • competenze di sviluppo: firmware, app, server, portale web..
  • servizi terzi: scelta provider per connettività e comunicazioni, sicurezza, sistemi assistenza clienti..

 

 

Consolidamento delle attività e aumento dei quantitativi

Una volta superata la fase di prototipazione della piattaforma, che presenta una architettura di una certa complessità, il focus inizia a passare sul fronte dell’organizzazione.

  • bisogna prevedere la gestione e aggiornamento costante di una infrastruttura tecnologica complessa
  • la gestione dei fornitori diventa più critica in quanto si tratta di fornitori estremamente diversi per natura rispetto a quelli con cui l’ufficio acquisti è abituata a parlare. In particolare è sempre critico il rapporto con il produttore di hardware
  • va contemplata la gestione di nuovi servizi (per esempio subscription e relativi rinnovi) tramite processo dedicato e relativo customer care

Le attività necessarie al mantenimento e allo sviluppo della piattaforma IoT iniziano fisiologicamente a “propagarsi” nell’organizzazione sfruttando ore di lavoro di diversi dipartimenti e livelli di gerarchia. E’ da notare come questa sorta di “organizzazione diffusa” che si è creata svolge attività diverse per tipologia, dinamica e priorità rispetto alla casa madre.

 

 

In una iniziativa basata su IoT in fase di startup in grembo ad una organizzazione consolidata, l’operatività e il rischio di esecuzione dell’iniziativa andranno a crescere esponenzialmente con l’aumentare dei pezzi sul mercato

 

 

E’ dunque consigliabile, appena prima dello scalare dei quantitativi sul mercato:

  • mappare le attività collegate all’iniziativa IoT
  • disaccoppiare la crescita dell’attività richiesta dalla crescita dei quantitativi immessi sul mercato
  • scorporare tali attività dall’attività della casa madre e ricondurle all’interno di una business unit dedicata

 

Conclusioni

Seguendo questo iter, è possibile ottimizzare l’assorbimento dei costi dello sviluppo iniziale della piattaforma nel contesto dell’organizzazione esistente, per poi andare a scorporare l’attività nel momento in cui può essere collegata ad un conto economico di business unit sostenibile sincronizzando opportunamente i tempi con il go-to-market del (nuovo) prodotto connesso.

L’intero processo può essere favorito nelle sue fasi dall’adozione di un framework organizzativo/documentale che permetta di sfruttare gli incentivi a disposizione per le aziende che si cimentano in progetti di innovazione, di cui ho avuto modo di scrivere in questo articolo.

 

avatar
  Segui l'articolo  
Notificami
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su skype
Condividi su telegram

Ti è piaciuto l’articolo?

Ricevi una volta ogni due mesi tutti gli approfondimenti di Quodigi Insights